Motori di ricerca Italiani

Motori di ricerca italiani

Google, Bing, Yahoo, Ask, Lycos, Excite, Altavista, Libero/Arianna, Alice/Virgilio, Tiscali, Kataweb.

motori di ricerca utilizzati Italia
In Italia, Google rimane il più utilizzato, di gran lunga, in misura minore abbiamo Bing, e Yahoo, gli stessi la fanno da padroni in questo campo, ma alcuni minori sono made in Italy.

In sintesi possiamo dire che siamo messi veramente male, credo che siamo uno dei pochi paesi industrializzati che siano in questa condizione.


Motori di ricerca Italiani questi sconosciuti


Libero / Arianna: è il più noto dei motori di ricerca italiani, ha molti servizi tra cui la possibilità di avere un account di posta elettronica è orientato soprattutto alle aziende ed ha un vasto numero di siti web nel proprio archivio. Le ricerche sono o scontate o scarse a livello di qualità, per finire non considera tutti i meta tag inseriti delle pagine web!

Alice/Virgilio: nonostante sia più un portale di informazioni, può essere utilizzato come motore di ricerca e i siti degli archivi ricalcano il motore di ricerca Libero / Arianna, con tutto quello che ne consegue in scarsità di risultati.

I due progetti menzionati ora, fanno parte del brand Italiaonline,, una idea ottima ma che stenta a decollare, i primi a non crederci sembrano proprio i protagonisti, tenuto conto i risultati venduti nelle prime posizioni, ben 6, ed altri accorgimenti di grafica di dubbio valore.

Tiscali: nel tempo ha perso la vocazione di motore di ricerca ed è diventato più un aggregatone di informazioni e notizie e si appoggia per le ricerche ad altri siti, ora partner del progetto Istella.

Kataweb:
motore di ricerca italiani

Come notate, al lato, non sanno neanche fare un indirizzamento sicuro su https! Un portale con notizie per le ricerche si appoggia ad altri siti come per esempio Google o del gruppo l’Espresso S.p.A., ora confluito nel progetto Gedi Visual.

Dopo due anni è stato corretto!

Il Trovatore: è motore italiano ma peccato che sia andato a finire molto male...

Aristotele: oramai è un motore in pieno declino, senza senso, pieno di pubblicità, e con nessun futuro, peccato, in sintesi è simile a Tiscali e Kataweb come concezione.

Da segnalare:
Istella*: nuovo motore di ricerca che vuole essere un aggregatone dinamico, lasciando libera la contribuzione dell'utente, dimenticando che così facendo diventa una directory! Risultati tutti sballati!

Nessun commento: